Emergenza Coronavirus, Conte: “Chiudere ogni attività produttiva che non sia essenziale”

Una conferenza straordinaria per annunciare nuove misure per contenere l’espandersi del contagio da Coronavirus. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, chiude tutti gli esercizi commerciali che non vendono beni di prima necessità.

“Si tratta della crisi più difficile dal secondo dopoguerra. Dobbiamo continuare a rispettare tutte le regole, con pazienza e fiducia. Sono misure severe, ne sono consapevole, ma dobbiamo resistere. Il nostro sacrificio di rimanere a casa è sicuramente un atto molto più semplice pensando a chi corre i rischi come minimo medici e gli infermieri, il personale delle forze dell’ordine, gli autotrasportatori. Oggi abbiamo deciso di chiudere qualsiasi attività non strettamente necessarie. Rimangono aperti i supermercati e i generi alimentari, senza alcuna restrizione. Continueranno a rimanere aperte le farmacie e parafarmacie, i servizi bancari, e i trasporti. Lo svolgimento del lavoro sarà concesso in modalità smartworking e le attività necessarie per la produzione nazionale. Una decisione che si rende necessaria oggi per contenere e resistere ad una emergenza sanitaria ed economica”.

Gaetano Scotto di Rinaldi

Giornalista iscritto all'Albo dei pubblicisti, collaboratore presso Il Mattino, Campi Flegrei Tv e ideatore de Il Monte.

Related Articles

Lascia un commento

Close